I 50 anni di musica dei Doobie Borthers festeggiati con il nuovo album Libertè

Il Treno The Doobie Brothers Continua a Correre, con un Nuovo Album “Libertè” il 15° per la precisone e una Tournè in America, Una Reunion per festeggiare i loro 50 anni di Musica.
Così i Doobie Brothers, celebrano quest’anno il loro cinquantesimo compleanno, caduto lo scorso anno. E provano a farlo con un tour negli Stati Uniti, che mette insieme tutta la storia della band, e le due “anime” che ne hanno segnato la musica e i successi, quella dei primi anni Settanta, con Tom Johnston alla guida, e quella della fine del decennio, quando il timone del gruppo era passato saldamente nelle mani di Michael McDonald.
I Doobies sono stati una delle band americane di maggior successo tra gli anni Settanta e Ottanta, con Johnston alla guida, avevano messo a segno hit del calibro di Long Train Running, ma anche Listen to the music o China Grove, mentre con McDonald, arrivato nell’organico nel 1977 dopo aver militato negli Steely Dan, il suono diventò più r’n’b, legato alle tastiere e più raffinato, con album destinati ai Grammy come Minute by minute, segnati dalla voce meravigliosa, profonda e soulful di McDonald. La band si sciolse per cinque anni, tra il 1982 e il 1987, poi Johnston riprese le redini per portarla fino al nuovo millennio. Oggi la formazione vede Johnston e McDonald insieme, con Patrick Simmons, che ha suonato costantemente nelle varie incarnazioni della band e John McFee. Il nuovo album è nato durante la pandemia, la band in un primo momento aveva ragionato attorno alla realizzazione di un Ep con quattro brani, pubblicati pochi giorni, ma il progetto è andato via via crescendo, assieme a una divertente attività on line, dei video con i grandi successi della band registrati in maniera casalinga, con ospiti del calibro di Peter Frampton e Dave Mason.

“Tornare a suonare in studio, essere entrati nella Rock’n’roll Hall of Fame, preparare questo tour con la presenza di Michael, è un po’ come ricominciare tutto da zero”, ha detto ancora Johnston, “cinquant’anni dopo avere una nuova occasione non è niente male…”.